Pin It

 

di Stefano Dentice

 

O Rei (Il Re) ha deposto la corona, ha lasciato per sempre questa Terra. Edson Arantes do Nascimento, noto al mondo intero semplicemente come Pelé, si è spento alla veneranda età di 82 anni dopo aver lottato strenuamente, con il sorriso sulle labbra, contro un tumore al colon che lo costrinse a un intervento chirurgico il 4 settembre 2021.

Inoltre, purtroppo, le disfunzioni renali e cardiache hanno ulteriormente aggravato il suo stato di salute già assai compromesso proprio a causa del cancro.

Tutti gli appassionati di calcio sono in lacrime per la dipartita di un artista del pallone, il “Giotto del Calcio”, un genio assoluto che ha fatto vibrare i cuori di coloro che hanno potuto ammirarlo dal vivo o dalla TV. Gli anziani hanno avuto la fortuna, l’onore e il privilegio di assistere in prima persona alle indimenticabili prodezze del campione brasiliano, i bambini o i più giovani lo hanno conosciuto attraverso i racconti dei propri nonni, quasi come fossero delle vere e proprie favole.

O Rei, questo il suo soprannome più celebre, ha dedicato la sua vita calcistica quasi interamente al Santos, squadra brasiliana a cui è stato legato dal 1957 al 1974 e con cui ha alzato al cielo, fra competizioni nazionali e internazionali, ben trentuno trofei. Poi, dal 1975 al 1977, la parentesi statunitense ai New York Cosmos, al termine della sua carriera, club con cui ha vinto la North American Soccer League nel 1977. Ma è con la nazionale verdeoro che ha letteralmente mandato in visibilio milioni di calciofili di ogni angolo del globo terracqueo.

Ha vestito la casacca della Seleção (nazionale brasiliana) dal 1957 al 1971, conquistando tre mondiali (record assoluto), due Copa Roca, tre coppe Oswaldo Cruz, una Coppa Bernardo O’Higgins e una Coppa dell’Atlantico. A livello individuale, invece, è “Calciatore del Secolo” per la FIFA, per il Comitato Olimpico Internazionale e per la IFFHS (International Federation of Football History & Statistics), Pallone d’Oro FIFA del secolo votato dai precedenti vincitori del Pallone d’Oro e, successivamente, ha ricevuto (unico calciatore al mondo) il Pallone d’Oro FIFA onorario.

Nel corso della sua ventennale attività la FIFA ha conteggiato 1281 gol in 1363 partite disputate, mentre in match ufficiali il suo personale palmares recita 757 reti in 816 gare. Come se non bastasse, fa parte della National Soccer Hall of Fame, è stato inserito dal settimanale statunitense Time nel “Time 100 Heroes & Icons” del XX secolo, dichiarato “Tesoro Nazionale” dal presidente del Brasile Jânio Quadros e, nel luglio 2011, “Patrimonio Storico-Sportivo dell’Umanità”. Una carriera, dunque, costellata di indelebili successi come solo un giocatore con le stigmate dell’indiscutibile fuoriclasse può ottenere. Il suo infinito bagaglio tecnico ha fatto perdutamente innamorare i calciofili degli ultimi sessant’anni.

Pelé era uno dei pochissimi calciatori al mondo in grado di dare del “tu” al pallone, accarezzandolo come se avesse il velluto sugli scarpini. Lui era il calcio con la “C” maiuscola: tiro potente e preciso dalla distanza, Killer Instinct davanti al portiere avversario, dribbling ubriacanti che frastornavano i suoi diretti marcatori, stacco di testa imperioso con cui svettava in cielo con la levità di una libellula, rovesciate e sforbiciate acrobatiche da Standing Ovation e poi una classe cristallina, abbacinante, con cui ha donato indescrivibili emozioni a tutti coloro che lo hanno profondamente amato. Pelé è l’esempio paradigmatico di come il calcio sia molto più di uno sport. Il suo talento e la sua genialità erano arte allo stato puro, un’ode alla bellezza, come una sorta di sindrome di Stendhal.

Oggi il “poeta del cuoio” è “volato” via - pronto a indossare - da lassù - la sua corona da Re del football deposta su questa Terra – e già smanioso – con il trascinante entusiasmo di un eterno bambino - di estasiare gli angeli con la sua inimitabile grazia calcistica. 

Foto dalla pagina Facebook ufficiale di Pelé

 

 

 

Pin It
Info Autore
STEFANO DENTICE
Author: STEFANO DENTICE
Biografia:
STEFANO DENTICE – GIORNALISTA MUSICALE, SPORTIVO E UFFICIO STAMPA Giornalista musicale, sportivo e Press Agent Freelance, si dedica prettamente al jazz, a generi musicali affini e al calcio. Numerose le collaborazioni giornalistiche, radiofoniche e televisive passate e attuali dall’inizio della sua carriera a oggi con: Suono, Extra Music Magazine, Arte e Luoghi, Sound Contest – Musica e altri linguaggi, Roma in Jazz, Italia in Jazz, SpettacolArt, Note in Vista, ManduriaOggi, Il Giornale Off (inserto culturale online del quotidiano Il Giornale), Strumenti & Musica Magazine, Teatro Magazine, Calcio News Time, Juve News Radio, Juventus News 24, Radio Bianconera, JMania, RT Radio Terapia, Dischi e Musica (approfondimento musicale della testata giornalistica online May Day News, rubrica intitolata Bollettino Jazz in onda su GT Channel e SoundItalia Web TVRadio), La Voce agli Italiani, DoppioJazz (Storie di Uomini & Dischi). Figura come membro di giuria per l’Associazione Promozione Arte (Orpheus Award per le produzioni italiane fisarmonicistiche) e al 5° Premio Artistico Letterario Internazionale “Magna Graecia- Arte e Poesia”. Da ufficio stampa indipendente, svariate le sue collaborazioni passate e attuali con associazioni musicali, culturali e festival jazz, oltre a curare la comunicazione di concerti jazz e la promozione discografica di moltissimi musicisti e formazioni jazz, fra cui: DeArt Progetti, Pomigliano Jazz in Campania, Bari in Jazz, Nazioni a Tavola, Francavilla è Jazz (Capo Ufficio Stampa), Termoli Jazz (Capo Ufficio Stampa), Tintiland, Gaiajazz Musica & Impresa, Principles Sound, Dario Chiazzolino, Chiara Raggi, GB Project, Alberto La Neve, Alberto La Neve e Fabiana Dota, Nico Morelli, Rosario Bonaccorso, Francesco Mascio e Alberto La Neve, Amanita, Laura Sciocchetti, Francesco Mascio, Vittorio Cuculo, The Bumps, Giuseppina Ciarla, Pagine Vere, Michela Lombardi & Piero Frassi Circles Trio, Sissy Castrogiovanni, Nino Buonocore, Lucia Filaci, Antonio Artese Trio. Il 13 giugno 2019 gli è stata conferita la Nomina di Accademico per Meriti Artistici da parte del Presidente dell’Accademia Internazionale Il Convivio, il Prof. Angelo Manitta. Nel corso della sua attività giornalistica ha intervistato svariati musicisti di blasone nazionale e internazionale, come: Mike Melillo, Enrico Rava, Enrico Pieranunzi, Rosario Giuliani, Giovanni Guidi, Daniele Di Bonaventura, Gianluca Petrella, Michele Rabbia, Renzo Ruggieri, Antonello Messina, Marc Berthoumieux, Antonello Salis, Peter Soave, Giovanni Ceccarelli, Nico Morelli, Joe Barbieri e molti altri ancora. Da ottobre 2020, in qualità di Press Agent (per jazz e world music), entra a far parte della Red&Blue Music Relations, una fra le più importanti agenzie musicali italiane di comunicazione e promozione. Per conto di questa agenzia si è occupato dei seguenti artisti e gruppi: LaRizzo, Franca Barone, Alessandro Bertozzi, AB Quartet, Urban Fabula, Daniela Spalletta, Mafalda Minnozzi, Silvia Donati & Nova 40, Paolo Fresu Feat. Petra Magoni (solo promozione radiofonica), B.F. Project, Joe Debono Quintet, Giovanni Guidi, Libertango 5tet, World Expansion alias Lomagistro-Partipilo-Giachino, Floriana Foti, Dan Costa Feat. Randy Brecker, Daniele Falasca, Solis String Quartet & Sarah Jane Morris, Luca Di Luzio (solo promozione radiofonica), Blue Moka.
I Miei Articoli


Notizie