Pin It

 

di Virginia Murru

Si tratta delle stime diffuse dal ‘Centre for Economics and Business Research’, un record storico, previsioni certamente più positive rispetto ad un anno fa, alle quali ha contribuito la campagna di vaccinazione avviata ovunque nel pianeta.

Restano i dati vulnerabili riguardanti il tasso d’inflazione, che da un anno a questa parte ha seguito un trend in salita, e creato incertezze soprattutto in Paesi come la Germania e gli Usa.

Anche la situazione di stallo relativa all’emergenza climatica resta un’incognita nell’evoluzione del prossimo decennio, nonostante le iniziative e gli accordi siglati nei meeting internazionali.

L’Economia mondiale va avanti dunque, malgrado il clima di emergenza sanitaria e la lotta contro un virus che rinnova i suoi attacchi micidiali tramite le mutazioni del genoma, ogni volta più insidioso a causa dell’alto indice di contagiosità.

Il pianeta sta comunque cercando di reagire alla recessione, e lo sconquasso che ha portato nel bilancio di ogni singolo Stato, causa diretta della pandemia. Il debito globale, infatti, nel 2020 ha sfiorato un vertice mai raggiunto dopo il secondo conflitto mondiale: 226.000 miliardi di dollari.

In questo versante il debito pubblico incide per circa il 40% di quello totale, ossia un traguardo poco lusinghiero che trova riscontro solo intorno agli anni ’60.

C’è ancora prudenza nella politica monetaria delle Banche Centrali, la Bce ha deciso di lasciare i tassi invariati, la Bank of England si è distinta, è stata infatti la prima tra i principali Istituti centrali a scegliere un rialzo.

Il Pil mondiale accelera e si dirige verso i livelli pre-Covid, con due anni di anticipo rispetto alle previsioni, e nonostante l’attuale clima d’incertezza. l’Italia nella classifica degli Stati con economia più avanzata, è all’ottavo posto, e lo conserverà anche nel 2022, ma secondo gli analisti non terrà a lungo questa posizione, e nel volgere di una quindicina d’anni slitterà al 13° posto.

Lo Stato che continuerà ad insidiare la supremazia degli Usa è la Cina, che nel giro di pochi decenni è diventata la seconda economia sul piano globale. Secondo gli esperti nel 2030 diventerà la prima, e continuerà a stupire anche l’evoluzione di quella indiana, destinata a diventare, sempre nel volgere di un decennio, la terza economia nel ranking mondiale.

 

Pin It
Info Autore
Virginia Murru
Author: Virginia Murru
Biografia:
Scrive per passione, il suo corso di studi è stato di tipo economico, alle scuole superiori e all’Università; ma non è mai stata la sua strada, ha sempre amato la letteratura. L’autrice amala poesia e la narrativa, scrive dell’una e dell’altra, con il medesimo slancio da diversi anni. E’ iscritta all’Albo dei giornalisti pubblicisti. Scrive in alcune testate giornalistiche on line, una molto conosciuta, ci sono le firme dei migliori giornalisti italiani della TV, radio e carta stampata. Ha ottenuto tanti riconoscimenti e premi in concorsi letterari, anche importanti (circa cento premi dal 2008, soprattutto narrativa).Tra questi per due volte la targa d’oro del 1° classificato al Premio Internazionale Universum Academy Switzerland di Lugano; Premio dell’Università di Padova (2014). Di recente le è stato assegnato l’ ”Honor Prize”, al Naji Naaman’sLiterary Prize 2017, tra i dieci autori premiatisu 64 paesi del mondo partecipanti. Primo Premio nel 2012 al Concorso ‘Il Sirmione-Lugana – Nel 2020 Secondo posto al Concorso Internazionale Albero Andronico, con numerosi partecipanti da tanti paesi stranieri, premiazione a Roma, Campidoglio. Per due anni consecutivi vincitrice assoluta del Premio Scientifico-Letterario ‘Scritture attraverso le Scienze’, bandito dall’Associazione di Mestre-Venezia, ‘La Torre di Mestre’. Si occupa di critica, recensioni, è presidente di un’Associazione culturale, membro di Giuria in diversi Premi letterari. Ha sempre amato la scrittura come via di sublimazione, e la lettura fin da ragazzina. Scrivere per l’autrice è ‘fuga’, riparo, ricerca di dignità e libertà d’essere.
I Miei Articoli