Colors: Orange Color

“Isola”, limitata porzione di terraferma circondata dalle acque. Questa definizione ci dà la cifra esatta di ciò che può significare vivere su un’isola. In special modo se l’isola è di dimensioni ridotte e lontana dalla terraferma. I disagi diventano enormi quando la situazione meteorologica, in inverno innanzitutto, impedisce i collegamenti e si resta isolati. Le più banali esigenze come approvvigionamenti di generi di prima necessità, spostamenti per raggiungere il posto di lavoro, necessità di cure mediche in strutture non presenti in loco, diventano impossibili.
Chi nasce e vive su di un’isola è abituato a tutto ciò e non vi fa caso.


Vivere in un posto che è considerato dai più, il paradiso terrestre per la bellezza unica dei luoghi, per la tranquillità, spesso diventa un onere immenso, sia quando per circa nove mesi viene invaso da una folla di turisti, che spesso eguaglia la densità della popolazione, sia nei tre mesi invernali in cui si spopola e molti decidono di svernare in paesi caldi per riposarsi dalle fatiche della stagione turistica; quindi, si chiudono alberghi, ristoranti, bar, negozi e la vita rallenta, si adegua alla calma del periodo in cui la natura si ferma e gli alberi perdono le foglie.
Una panacea per ritemprare l’anima e prepararsi al risveglio della vita.


Per molti è un toccasana per godere la propria terra in maniera unica e sublime, per tanti una prigione da cui scappare a gambe tese.
All’improvviso la vita viene stravolta da un evento imprevisto che si sviluppa a macchia d’olio, una pandemia violenta, subdola, aggressiva e sconosciuta che travolge il mondo intero e costringe a fermare tutto: non si viaggia più, non si possono svolgere le normali attività lavorative e scolastiche, non vi sono le strutture necessarie per accogliere i malati e curarli, pertanto si rende indispensabile limitare gli spostamenti e isolarsi… isolarsi nell’isola.


Siamo abituati. No, questa volta è diverso, non è una semplice riduzione della vita normale, ma una restrizione obbligatoria e ci si rende conto che cose semplici e scontate, come una passeggiata sulla spiaggia ad ammirare il mare o in campagna, sono dei lussi che non ci sono permessi. Ci viene impedito anche di spostarsi tra i comuni esistenti e ciò crea disagio immenso. Il senso di isolamento e solitudine diventa soffocante e si vorrebbe tornare alle giornate estive in cui la folla invadeva le stradine e impediva lo svolgimento delle attività più semplici, andare a fare la spesa o recarsi al lavoro o al mare.
Vivere in un’isola è uno stato d’animo che non si può comprare, ma solo accettare nel bene e nel male.

Oggi l'informazione è sempre più a portata di mano, sempre più vicina e più inserita nel nostro quotidiano.
La tecnologia ha reso possibile quello che un tempo era impossibile, quindi, grazie ai vari dispositivi "smartphone e PC", oggi, diventati indispensabili nelle nostre vite, le notizie arrivano nelle nostre case in tempo reale. Il virtuale, dunque, ha dato la possibilità alle persone di essere sempre più informati e - come è noto - essere informati ci dà la possibilità di conoscere e, a mio avviso, la conoscenza rende l'uomo libero.
In un mondo che corre velocemente e che ci spinge verso nuovi orizzonti, stare al passo con i tempi a volte è difficile, per cui, fare della buona informazione è diventato davvero molto importante. Di fatto le notizie sul WEB oramai sono a portata di mano e, molte volte, però le informazioni che ci vengono date, sono devianti o addirittura creano confusione.


Dato l’afflusso di notizie che tutti noi riceviamo attraverso il WEB, ci sentiamo obbligati ad intervenire e dare un parere su qualsiasi cosa che viene pubblicata, ma molte volte, però, l’esprimere pareri senza cognizione di causa può involontariamente creare confusione o addirittura essere offensivi.
Credo sia fondamentale un più esteso controllo del WEB per far si che le informazioni, cosi come le varie dinamiche che vengono scaturite dalle stesse, possano essere di dominio pubblico e nel rispetto delle persone coinvolte.
Auspico a tutti coloro che fanno parte di questo gruppo di poter dare “voce” a chi ne ha bisogno, soprattutto ringrazio Fiore per averci dato questa bellissima opportunità.
In bocca al lupo a tutti.

E' una notte fredda questa, una di quelle notti che fanno pensare alla neve e al Natale. Una di quelle notti che portano con sé la magia della speranza e della possibilità che possano avverarsi sogni e desideri...

Sto ascoltando le note de ” Heal the world” di Micheal Jackson...


“Think about, ehm, the generations and
Say we wanna make it a better place for our children
And our children's children, so that they
They, they know it's a better world for them
And think if they can make it a better place
There's a place in your heart
And I know that it is love
And this place could be much brighter than tomorrow
And if you really try
You'll find there's no need to cry
In this place you'll feel there's no hurt or sorrow

There are ways to get there
If you care enough for the living
Make a little space
Make a better place
Heal the world
Make it a better place
For you and for me and the entire human race
There are people dying
If you care enough for the living
 want to know why
There'sMake a better place for you and for me
If you a love that cannot lie
Love is strong, it only cares for joyful giving
If we try, we shall see
In this bliss we cannot feel
Fear or dread, we stop existing and start living”.......

 

Un subbuglio di emozioni incredibili. Una sottile vena di tristezza pervade il mio sentire, un dubbio mi assale....perché “un mondo pieno d'amore” deve essere un sogno? Perché non ci viene naturale consegnare alle generazioni future “un posto migliore”?

Non dimentichiamo che la bontà, la gioia, la bellezza sono prerogative non solo del periodo natalizio ma esse ben si adattano a tutti i periodi dell'anno! Cerchiamo di inseguire tutto ciò che ci fa stare bene senza farci sopraffare dalla superficialità ma conserviamo intatto il senso delle cose, la semplicità delle azioni di quelle che ci scaldano il cuore e ci fanno tenere vivo il legame con le nostre radici. Ricordiamo che siamo quello che amiamo e quello che scegliamo di essere! Mai come in questo anno ci siamo resi conto di quanto sia effimera la vita e soprattutto ciò che è veramente importante...Impariamo dunque, con poco, a rendere vivibile questa nostra enorme casa universale.

 

Volteggiano liberi tra rami intricati
odori e sapori d’inverno, profumi
d’arancio e dolci tepori a dicembre.
S’attende Natale e le nenie cullate

dentro angoli vuoti che aspettano
nuove illusioni, melodie da creare
dentro scatole rosse di nastri lucenti.

(da “Fragranza di Natale” , Lucia Lo Bianco diritti d’autore riservati)

Leggi tutto...

 

In questa piovosa e grigia domenica d'Avvento, mentre ci apprestiamo a festeggiare un Natale diverso, è bello rileggere questa lettera che il grande scienziato Albert Einstein scrisse a sua figlia:

"Quando proposi la teoria della relatività, pochissimi mi capirono,
e anche quello che rivelerò a te ora,
perché tu lo trasmetta all’umanità,
si scontrerà con l’incomprensione e i pregiudizi del mondo.
Comunque ti chiedo che tu lo custodisca per
tutto il tempo necessario, anni, decenni,
fino a quando la società sarà progredita abbastanza
per accettare quel che ti spiego qui di seguito.
Vi è una forza estremamente potente per la quale
la Scienza finora non ha trovato una spiegazione formale.
È una forza che comprende e gestisce tutte le altre,
ed è anche dietro qualsiasi fenomeno
che opera nell’universo e che non è stato ancora individuato da noi.
Questa forza universale è l’Amore.
Quando gli scienziati erano alla ricerca di una teoria unificata dell’universo, 
dimenticarono la più invisibile
e potente delle forze.
L’amore è Luce, visto che illumina chi lo dà e chi lo riceve.
L’amore è Gravità, perché fa in modo
che alcune persone si sentano attratte da altre.
L’amore è Potenza, perché moltiplica
il meglio che è in noi, e permette che l’umanità
non si estingua nel suo cieco egoismo.
L’amore svela e rivela. Per amore si vive e si muore.
Questa forza spiega il tutto e
dà un senso maiuscolo alla vita.
Questa è la variabile che abbiamo ignorato per troppo tempo,
forse perché l’amore ci fa paura,
visto che è l’unica energia dell’universo che l’uomo
non ha imparato a manovrare a suo piacimento.
Per dare visibilità all’amore, ho fatto una semplice
sostituzione nella mia più celebre equazione.
Se invece di E = mc2 accettiamo che l’energia per guarire il mondo
può essere ottenuta attraverso
l’amore moltiplicato per la velocità della luce al quadrato,
giungeremo alla conclusione che l’amore è
la forza più potente che esista, perché non ha limiti.
Dopo il fallimento dell’umanità nell’uso e il controllo
delle altre forze dell’universo,
che si sono rivolte contro di noi, è arrivato il momento
di nutrirci di un altro tipo di energia.
Se vogliamo che la nostra specie sopravviva,
se vogliamo trovare un significato alla vita,
se vogliamo salvare il mondo e ogni essere senziente che lo abita,
l’amore è l’unica e l’ultima risposta.
Forse non siamo ancora pronti per fabbricare una bomba d’amore,
un artefatto abbastanza potente da distruggere tutto l’odio,
l’egoismo e l’avidità che affliggono il pianeta.
Tuttavia, ogni individuo porta in sé un piccolo ma potente generatore d’amore la cui energia aspetta solo di essere rilasciata.
Quando impareremo a dare e ricevere questa energia universale, Lieserl cara,
vedremo come l’amore vince tutto,
trascende tutto e può tutto, perché l’amore è la quintessenza della vita.
Sono profondamente dispiaciuto di non averti potuto esprimere
ciò che contiene il mio cuore,
che per tutta la mia vita ha battuto silenziosamente per te.
Forse è troppo tardi per chiedere scusa, ma siccome il tempo è relativo,
ho bisogno di dirti che ti amo e che grazie a te sono arrivato all’ultima risposta. 
Tuo padre Albert Einstein".

Notizie