Pin It

di Paolo Russo

L'Italia si risveglia con la terra che trema. E' durato ben 40 secondi il terremoto con epicentro  sulla costa pesarese a una profondità di 8 chilometri e a 30 chilometri da Fano e 35 chilometri da Pesaro.

La scossa è stata percepita persino in Veneto ed ha toccato il picco di magnitudo 5.7 alle 7.07 del mattino.

L'Istituto di geofisica e vulcanologia(IIGV) ha segnalato, dopo la scossa delle 7.07, altre 34 scosse ma fortunatamente non superiori a magnitudo 2.

Si sono riviste le scene a cui purtroppo siamo abituati: persone scese in strada, anche in pigiama, urla, momenti di panico.

Ricordiamo che proprio ad Ancona nel 1972,  la terra tremò per mesi facendo vivere nell'angoscia i marchigiani. Quel ricordo probabilmente è ritornato vivido in queste ore visto che data l'entità del terremoto si temono altre scosse di assestamento se non altri eventi di pari magnitudo.

I centralini dei vigili del fuoco sono stati presi d'assalto e non solo nelle Marche ma anche a Roma, Firenze, Bologna e persino nel Nord Italia.

Numerose sono state infatti le segnalazioni in Veneto, Friuli Venezia Giulia e Trentino Alto Adige.

E' stata disposta in maniera cautelativa la chiusura di molte scuole nelle Marche e la chiusura della linea adriatica in prossimità di Ancona.

Pin It
Info Autore
Paolo Russo
Author: Paolo Russo
Biografia:
Cultore dell'approccio olistico, Psicoterapeuta e Psicoanalista a Padova e Portogruaro, scrittore e autore del "Trattato di Poesia Clinica", conduttore radiofonico della trasmissione "I Fiumi di Jane" su Radiogamma5.
I Miei Articoli


Notizie