Pin It

 

Terzo appuntamento con la naturopatia, in compagnia del dott. Carmine Raimondi.

Un viaggio dentro la malattia: cause e rimedi.

Come diceva Bernard, la malattia non è determinata da germi e batteri che attaccano l’organismo ma qualsiasi tipo di disequilibrio fisico diventa il frutto di un terreno costituzionale alterato.

Bernard non fa altro che responsabilizzare l’essere umano. Secondo questa visione la malattia è il risultato, non determinato da germi e batteri che attaccano l’organismo, dei nostri stili di vita, di ciò di cui ci cibiamo, delle emozioni che proviamo, del nostro modo di reagire al mondo.

Tutto questo costituisce il nostro terreno biologico e costituzionale. Possiamo affermare quindi che se il terreno è in equilibrio, quindi in omeostasi, l’equilibrio biochimico che si genera, determina un buono stato di salute psicofisica.

Oggi l’epigenetica conferma la teoria di Bernard. La natura non è una madre nemica piena di germi e batteri che vogliono ucciderci ma una madre amica che lavora attraverso complessi sistemi di regolazione, rigenerazione ed omeostasi che agiscono in noi anche se noi non ne siamo coscienti.

E forse di questo se ne era accorto anche il caro Pasteur quando in punto di morte disse: ‘Bernard aveva ragione, il terreno è tutto, il microbo è nulla’, anche se questa storia non ci viene raccontata. Non se ne è ancora accorta però, nostro malgrado,  buona parte della medicina che dal 1800 imposta ancora il suo operare su un approccio non causalista della malattia.

OGNI GIORNO  INTERAGIAMO CON MIGLIAIA DI BATTERI E VIRUS ED IN QUESTO PERIODO PARTICOLARE STIAMO LOTTANDO CONTRO IL CORONAVIRUS. COME PUO' IL NOSTRO CORPO CONTRASTARE UN ATTACCO VIRALE?

Proprio perché ‘il terreno è tutto, per far fronte a virus e batteri e quindi anche al coronavirus e alle varie sfide a cui il nostro corpo è sottoposto  bisogna iniziare a curare il nostro stile di vita. Movimento, riposo, la respirazione, sottoporsi  a dei bagni di sole, per dare modo al corpo di sintetizzare vitamina D, mangiare sano, soprattutto cibi alcalini e alimenti che rafforzano il nostro sistema immunitario. Tra gli alimenti da preferite scegliere verdure, fibre che sono degli importanti probiotici fondamentali per la salute del nostro microbiota intestinale, cereali integrali, legumi, proteine animali provenienti da allevamenti biologici e biodinamici, semi e frutta secca. Importante è evitare zucchero bianco, farine bianche e trattate, alcolici, carne di maiale, limitate formaggi ricchi di caseina e il glutine perché sostanze che interagiscono negativamente con il nostro microbiota creando immunodepressione.

QUANTO RITIENE SIA IMPORTANTE IL BENESSERE PSICOLOGICO PER LA NOSTRA SALUTE?

E’ risaputo che i nostri pensieri influenzano positivamente o negativamente il nostro sistema immunitario. Se siamo depressi, tristi, ansiosi anche i nostri ormoni cambiano e questo influisce sulla salute del nostro organismo e sul nostro far fronte alle sfide. Il nostro intestino che contiene la maggior parte del nostro microbiota è definito fin dall’antichità  come ‘secondo cervello’. E’ stato provato da numerosi studi il legame direttamente proporzionale tra flora batterica intestinale e stato psicofisico che la persona vive. In soggetti che presentano disbiosi (microbiota in disequilibrio) ansia, stress e paura sono una realtà costante e, viceversa, una mancata eubiosi si ha in chi vive sempre nel panico o nella tristezza.

CI STA DICENDO QUINDI COME LA MALATTIA ATTECCHISCE SE IL TERRENO È DEBOLE?

Quando una persona è felice, vive la sua quotidianità senza stress, persegue un obiettivo positivo che la rende realizzata, ecco che la malattia non si presenta e che il sistema immunitario reagisce bene ai virus e batteri. Oggi il legame tra malattia ed emozioni è stato ampiamente dimostrato persino dal punto di vista epigenetico.

QUINDI LA NATUROPATIA SI OFFRE COME MODELLO PER UNA PREVENZIONE CHE NON SIA SOLO ORA PER IL COVID?

Sono Naturopata da tanti anni e metto in pratica quotidianamente tutto ciò che consiglio ai miei clienti. Lavoro in questo settore ottenendo risultati sorprendenti. Affidarsi a un Naturopata che possa dare consigli e offrire una panoramica a 360° dei disturbi che sono presenti nella vita di tutti i giorni di una famiglia può essere senz’altro un’arma vincente. 

ll Naturopata identifica le cause del disagio o della malattia. Il Naturopata sostiene la capacità di auto guarigione intrinseca del corpo umano e la insegna al soggetto che sta aiutando. Opera con tecniche prive di controindicazioni e non invasive per la cura del soggetto. Educa la persona a capire il perché della malattia e la aiuta a distinguere i fattori di stimolo o d'inibizione della patologia oltre a indicarle tutti gli strumenti, metodi e tecniche che possono migliorare la quotidianità della persona.

COSA POTREBBE SUGGERIRE IN QUESTO PERIODO PARTICOLARE A TUTTI NOI?

La valutazione e l’intervento naturopatici non seguono protocolli standard ma sono sviluppati sulla base del sintomo, della storia personale del soggetto e della sua storia clinica. L’obiettivo è quello di riconoscere le cause che hanno determinato lo squilibrio psicofisico e di conseguenza l’insorgere dei sintomi individuando il metodo di trattamento più idoneo. 

In linee generali mi sento di consigliare, oltre a tutto quello esposto precedentemente, rimedi fito-nutrizionali con una importante azione immunostimolante e che vanno quindi a rafforzare il sistema immunitario con azione antinfiammatoria, antiossidante e antivirale. Essendo poi il microbioma un insieme di microorganismi che convivono in simbiosi con le cellule umane e tutti i loro geni, per una corretta igiene intestinale, i probiotici dovranno essere prioritari per aiutare e modulare il sistema immunitario e a mantenere una corretta eubiosi.

 

QUANTA ENERGIA POSSIEDE IL NOSTRO CORPO PER CONTRASTARE UN ATTACCO VIRALE?

Tutto dipende dal nostro organismo e se il nostro terreno è messo nelle giuste condizioni di fronteggiare le sfide che provengono dal mondo esterno. 

Tutto funziona perfettamente se ogni tassello è riposto nel posto giusto. Minerali vitamine antiossidanti acidi grassi, svolgono un ruolo cruciale nel mantenere in equilibrio i diversi sistemi  ed una carenza potrebbe causare seri danni nonché metterlo a dura prova con reazioni a catena. 

Sappiamo che lo scopo del naturopata è capire le cause profonde di un sintomo e sappiamo che ogni naturopata si avvale dello strumento che gli è più affine. Nel tuo caso? Di cosa ti avvali particolarmente? Descrivici le tue pratiche.

Sicuramente l’iridologia e tutto quello che rientra nella manualità. 

L’iridologia è uno degli strumenti più efficaci di cui si serve la Naturopatia. Attraverso l’osservazione dell’iride, della pupilla e della sclera è possibile individuare aspetti fondamentali per tracciare un quadro completo della salute della persona e delle sue condizioni psico-fisiche. Si tratta di una disciplina molto antica che negli anni si è sviluppata soprattutto in America, Russia, Germania e Inghilterra.

La consulenza iridologica permette di individuare lo stato di salute generale della persona, le tendenze dei diversi organi del corpo e i loro squilibri, fornendo così al Naturopata preziosi elementi su cui lavorare. A livello iridologico è inoltre possibile osservare le caratteristiche emotive, caratteriali e psicosomatiche di ognuno, attraverso segni specifici presenti nell’occhio.

L’occhio è una estroflessione del cervello ed è collegato ad esso tramite il nervo ottico. Nell’occhio sono riflesse le diverse parti del corpo divise in organi ed apparati, secondo precise mappe elaborate nel corso degli anni da numerosi studiosi.
L’iridologia consente al naturopata di indagare sia sulle cause che determinano un malessere o uno squilibrio psico-fisico, sia sulle predisposizioni ereditarie e costituzionali della persona. Pertanto, questa tecnica non invasiva rappresenta un ottimo metodo di prevenzione per prendere consapevolezza della nostra salute.

Relativamente alla manualità, sento di poter esprimere le mie gratificazioni personali per i risultati raggiunti e per i numerosi feedback positivi.  

SENTIAMO SPESSO PARLARE DEL  TEST EPIGENETICO DEL CAPELLO. PUO’ DIRCI BREVEMENTE DI COSA SI TRATTA?

Una tecnologia rivoluzionaria di benessere che fornisce un report epigenetico personale. Non si tratta di un dispositivo medicale e non fornisce diagnosi, non tratta né cura alcun tipo di patologia. Ci dà la possibilità di fare prevenzione ed individuare quei fattori  che possono influenzare e condizionare la nostra salute. Il report include:

9 categorie di benessere che riguardano più di 800 fattori individuali

Un elenco di restrizioni alimentari da rispettare 90 giorni

Un elenco di additivi alimentari da evitare e informazioni sugli additivi comuni

Un piano di benessere da 90 giorni che include nutrienti, acqua e stile di vita

Un elenco di alimenti da aumentare o aggiungere alla dieta

Fogli di autovalutazione per tracciare i progressi

Informazioni supplemetari su tutte le categorie.

 

 

Pin It
Info Autore
Nicoletta Toselli
Author: Nicoletta Toselli
Biografia:
Nata a Milano, vivo in Calabria da molti anni. Una casalinga prestata all'informazione. Giornalista praticante. La voce del Savuto - La voce agli Italiani. Delegata comunicazione Riviera dei Cedri Unpli Cs - Cif Cs. "Radio1one" radio e testata giornalistica. "Il Casinista" di Astolfo Perrongelli; "Progetto Mercurion" con lo scrittore Giovanni Russo, casa editrice Ferrari. "MimmoAbramoNotizie" del giornalista Mimmo Abramo e il suo libro "Francesco il mio amico terra e cielo". Digital marketing, social media manager, organizzazione e comunicazione eventi. Seguo la startup "Sposiamoci in Calabria" di Agnese Ferraro e il musicista/pianista Mattia Salemme, oltre a varie collaborazioni come giurata a concorsi letterari e di poesia; opinionista in vari programmi radio e tv locali. Mi occupo inoltre di graphic design.
I Miei Articoli