Colors: Orange Color

 

Il ballo, soprattutto il Tango argentino, è una valida terapia per il corpo e la mente

È stato dimostrato che la tangoterapia fa bene al cuore, stando a quanto rivelato da un esperto del “Centro Cardiologico Monzino” di Milano.

Pablo Werba, responsabile della prevenzione Atherosclerosis , ha dichiarato che ballare il tango argentino fa bene al corpo perché riduce lo stress, infonde un’importante carica emozionale che spinge a migliorare la forza e la  postura,  protegge il cuore da problemi di natura cardiovascolare garantendo una vita piu’ lunga.

E’ un’attività divertente, piacevole  e alla portata di tutte le età, che può essere paragonata ad una camminata di  3,5 Km orari, o ad un andamento lento di bicicletta, come dimostrato da ricerche approfondite a Buenos Aires.

Il ballo non solo, quindi, come svago ma come un metodo di cura.

Potrebbe, sotto consiglio medico, essere una sostitutiva e più accettata cura per chi è costretto a terapie prolungate

Nel 2009 il Tango argentino è stato definito dall’UNESCO: ”Un bene Culturale”, facendolo diventare patrimonio dell’Umanità.

 

 

di Adelaide Baldi

Ancel Keys, definito dai colleghi americani il rivoluzionario della salute, nacque nel 1904 a Colorado Spring, fu biologo, fisiologo e nutrizionista presso l’Università del Minnesota; ha dedicato la maggior parte della sua vita agli studi sull'epidemiologia delle malattie cardiovascolari.

Risultati a lungo termine dopo incisione della placca e innesto per la malattia di Peyronie: confronto tra innesti dermici suini e pericardio bovino. 
La incisione della placca e successivo innesto (PEG) è uno dei pilastri della terapia chirurgica per la grave curvatura del pene nella malattia di Peyronie (PD). 

Un nuovo studio tutto italiano è stato effettuato per valutare gli esiti perioperatori intermedi, il tasso di complicanze e i dati funzionali dopo la vaporizzazione laser fotoselettiva (PVP) XPS 180-W Greenlight rispetto alla resezione transuretrale della prostata (TURP) in uno studio prospettico non randomizzato monocentrico.