Pin It

Il paziente affetto da adenoma della prostata vede talvolta come unica soluzione terapeutica l’intervento chirurgico.

Uno degli effetti indesiderati di tale intervento è la retro eiaculazione legata all’eliminazione dello sfintere interno.

Ma negli ultimi tempi due interventi mininvasivi della durata di pochi minuti che utilizzano il potere del getto dell’acqua (AquaBeam) e del vapore (Rezum) stanno aprendo un panorama sino a poco fa inimmaginabile.

L'acquablazione che utilizza il sistema AquaBeam combina la guida dell'immagine in tempo reale e la robotica per consentire la rimozione precisa e priva di calore del tessuto prostatico con un getto d'acqua ad alta velocità.

Lo scopo di un recente studio è stato quello di riportare i risultati dell'acquablazione fino a 1 anno in un unico centro nel Regno Unito che utilizza un approccio atermico all'emostasi.

Metodi: Cinquantacinque uomini sono stati sottoposti ad acquablazione tra settembre 2017 e dicembre 2018 (come parte dello studio OPEN WATER).

L'acquablazione standard è stata eseguita con il sistema AquaBeam (PROCEPT® BioRobotics) con 2 passaggi di Aquablation seguiti da washout vescicale con applicazione di irrigazione vescicale continua tramite catetere su un dispositivo di trazione continua.

 I pazienti sono stati seguiti a 3 e 12 mesi.

I dati sono stati raccolti in modo prospettico su dati demografici dei pazienti, uroflussometria, volume della prostata, International Prostate Symptom Score (IPSS), Male Sexual Health Questionnaire for Ejaculatory Dysfunction (MSHQ-EjD) e International Index of Erectile Function (IIEF-15).

 Risultati: l'età media era di 64,1 ± 7,9 anni. Il tempo di funzionamento è stato di 26,9 ± 9,2 min. Il volume medio della prostata è diminuito da 58,2 ± 23,9 cc a 33,2 ± 12,9 cc (p <0,0001). Ci sono stati miglioramenti significativi al follow-up di 12 mesi nella velocità di flusso urinario massimo (9,9 ± 5,1 ml / s vs 23,9 ± 11,6 ml / s), IPSS (21,7 ± 7,4 vs 6,1 ± 4,2) e punteggio della qualità della vita (4,8 ± 1,1 contro 1,4 ± 1,4) (p <0,0001). Non è stato riscontrato alcun cambiamento significativo nei punteggi IIEF-15 e MSHQ-EjD. C'erano 8 (14,5%) complicanze di Clavien di grado 2 o superiore.

Conclusione: l’esperienza in un unico centro suggerisce che l'acquablazione utilizzando un approccio completamente atermico è una procedura di cavitazione sicura con conseguente miglioramento significativo della LUTS paragonabile alle procedure di cavitazione standard con una maggiore conservazione della funzione sessuale.

Pin It
Info Autore
Andrea Militello
Author: Andrea Militello
Biografia:
Nato a Ravenna il 19 settembre 1965 Specialista Urologo Andrologo, diplomato alla scuola Italiana di Ecografia, Master in perfezionamento in chirurgia protesica e fisiopatologia della riproduzione umana. Socio attivo delle principali Società Italiane di Urologia e Andrologia. Libera docenza presso Università Federiciana di Roma e Cosenza in scienze Urologiche. Docente presso Accademia Biomedica Rigenerativa. Esperto in medicina antiaging. Reviewer della rivista internazionale Central European Journal of Urology. Premiato nel 2014 e 2018 quale miglior Urologo e Andrologo d’Italia. Svolge attività privata a Roma, Viterbo, Avezzano, San Marino, Milano e Cosenza ( Acri)
I Miei Articoli


Notizie