Colors: Yellow Color

 
di Arianna Di Presa
 
Barbara Bonanni vive e lavora a Roma. La sua Arte si espande lungo versanti differenti dove l'anima si pone come la protagonista costante di ogni singolo cromatismo. Bonanni è un'artista di valenza internazionale che trasporta il fruitore all'interno dell'evoluzione spirituale, sinergica e libera che si accorpa qualitativamente all'interno di una mirata ricerca pervasiva e intrinseca nel potenziamento del colore quasi da creare un sussulto riflessivo che rimbomba al centro delle viscere. L'indiscussa emotività è il linguaggio che primeggia sulle tele delle Bonanni, come se fosse una porta all'apice dell'universo, derivante da una sovrapposizione esistenziale; tutto ciò conduce la pittrice ad addentrarsi con una massima versatilità verso l'esplorazione del Sé, a volte pericolosa, altre volte un motivo di identificazione al fine di comprendere con lungimiranza il mistero della vita, mentre si affronta l'essenziale che ne riserva. La musicalità delle opere di Barbara Bonanni è fortemente rappresentativa tale da cogliere con un'intuitiva perfezione il caos cosmico dentro all'inafferrabile millesimo di tempo che sembra inesorabile all'umana comprensione.
 
Il caos
è un tumulto ineluttabile
per sfiorare il tempo
che permane oltre l'incomprensione del destino.
 
 

 

Prefazione di Francesco Marchianò (Editor Freelance)

L’immediato paragone con la pittura che suscita la lettura di questa raccolta di poesie di Stefania Melani potrà apparire in un primo momento scontato e forse anche banale, almeno se si considera il fatto che l’autrice, oltre a dedicarsi alla scrittura, è una pittrice. Eppure, il modo nel quale si muovono i versi di queste poesie, la loro stilistica, il loro contenuto, hanno un elevato potere visionario tipico delle forme estetiche più schiettamente visuali. Per questo, la lettura di queste poesie proietta immediatamente nella mente del lettore immagini molto evocative.

Stefania Melani è certamente una poetessa delle passioni intese che appaiono come un elemento distintivo e inestricabile dell’uomo. Esse, però, non restano mai a un livello istintivo e primordiale ma sono elaborate da ogni epoca e la più antica di queste passioni, ovvero l’amore, è quella su cui camminano i versi dell’autrice e che fanno muovere la scrittura quasi come un pendolo tra desiderio e appagamento. Questi due estremi non sono per forza contrapposti e spesso possono toccarsi e unirsi come appare in alcune poesie.

I componimenti di Stefania Melani sono caratterizzati da un’intensità davvero notevole, da formule ermetiche davvero raffinate e dalla presenza di immagini mentali ancor prima che reali. Si propone qualche esempio solo per avere un’immediata dimostrazione di quanto affermato:

Attraverso i vetri,
come nei ricordi d’infanzia,
guardo l’aria che lacrima ancora…

Cadono tutte le catene
dall’orgasmo dell’anima.

Non fu facile
annegare i giorni
in sogni strappati
al ristagno di stelle.

Come si vede da questi esempi (ma nella lettura se ne riscontrano molti altri) sì è davanti a un potenziale suggestivo molto alto che invita a uno sforzo di attenzione sensazionale, nel senso letterale del termine ossia cercando di sentire, provare sul proprio corpo, le emozioni trasmesse da questi versi.

Ciò che molto spesso innesca l’ispirazione dell’autrice è la natura, soprattutto quella estiva o autunnale, con la potenza della luce, il calore che può stordire, la ricchezza cromatica, i contrasti e le sfumature. Tutto ciò può diventare l’emblema di stati d’animo e di sensazioni interiori. Specialmente il richiamo alla forte luce estiva assume un significato intenso nel quale si ha un “con-fondersi” tra emozioni opposte; persistono in alcune poesie delle tematiche care a Eugenio Montale peraltro omaggiato con una citazione: «nella sonnolenza del meriggio».

E poi c’è l’autunno. La scelta di questa stagione è emblematica di un senso più prolungato della fine, quasi fosse una sorta di agonia. Sarebbe stato più facile contrapporre l’inverno ma se nell’estate si nota questa esplosione potente di luce e calore, che quasi fa evaporare la vita,nell’autunno si vede la lentezza della fine e quasi se ne assapora il gusto. Anche grazie a ciò, gli aspetti emotivi dell’opera risultano più toccanti.

"Alle radici dei sogni" è una raccolta che vale davvero la pena di leggere e alla cui lettura bisogna approcciarsi con la dovuta attenzione provando a chiudere gli occhi dopo ogni poesia cercando non solo di capire ma anche di immaginare e sentire. 

 

Franco Brambilla è un vulcano, una macchina creativa che da decenni attraversa il mondo teatrale italiano (e non solo) producendo azioni, spesso sperimentali e di ricerca, che aprono la strada a nuovi ragionamenti, donano impulsi di approfondimento, coinvolgono gli attori e lo spettatore in dinamiche di confronto con linguaggi, pensieri, stili, filosofie che hanno come filo conduttore il "fuori dal comune".
Leggi tutto...

 

“Quando abbiamo avuto l’idea di mettere in pratica il nostro progetto– racconta Agnes - io e Patty, ci siamo guardate per un momento e abbiamo sgranato gli occhi: ci sembrava una cosa impossibile da realizzare.

Ma più il tempo passava e più prendeva forma questo desiderio, insieme a quello di condividerlo con chi ci vuole bene e con il mondo dei lettori. Queste poesie sono state scritte parecchi anni fa e sono rimaste in fondo a un cassetto, insieme ai sogni che da sempre le hanno accompagnate”.

Leggi tutto...

di Arianna Di Presa

Marco Ambrosini vive e lavora a Padova. La sua formazione artistica proviene dall'Accademia delle Belle Arti di Venezia e con il passare del tempo diventa un tramite per narrare la parte più nascosta dell'Io che risuona in una fragilità disumana quasi sempre celata. L' espressionismo messo in atto da Ambrosini è dirompente, poiché trascina il fruitore, nel frastuono del dolore, avvinghiato tra i frammenti incurabili di una buia sofferenza.

Tra ombre e luci sorge spontaneo soffermarsi sulla marcatura dei volti delineati perfettamente in un pianto trattenuto , in un lutto ineliminabile, in una nascita soffiata tra le braccia del vento, dove le avversità della vita si mostrano eccessivamente tempestose. I volti messi appositamente in risalto da una tecnica pressoché incisoria, si profilano come intermezzi per imparare a soffermarsi su ciò che impedisce all'anima di evolvere senza trattenersi; in questo senso , l'atavico dolore funge da padrone necessario per non sfuggire a ciò che riserva la vita. L'Arte pertanto, diviene un connubio perfetto con la mente dove s'instaura un contatto psicodinamico insito nella parte più oscura dell'interiorità. Ciò che segna insegna è questa l'interpretazione più avvincente che Marco Ambrosini intende comunicare attraverso i suoi cromatismi. Vite spezzate e consumate che si ritrovano fugaci dentro mille sfumature incasellate tra i vizi e gli errori del destino.

Notizie