Colors: Yellow Color

Pordenone è prima classificata per la qualità della vita 2020 secondo “Italia Oggi”, in collaborazione con l’Università della Sapienza di Roma, che ha stilato la graduatoria delle città più vivibili del nostro Paese. Vero è che questa cittadina del Friuli-Venezia Giulia si contraddistingue anche per la sua vivacità culturale: un territorio “intriso d’arte”, ricco di storia e sede di rilevanti eventi culturali, in primis la Festa del libro con gli autori “pordenonelegge.it”, che quest’anno è giunta alla sua XXI edizione. Così, da più di un ventennio, la città, a settembre, si tinge di giallo, il colore emblema della manifestazione. Le vie, i palazzi antichi, il teatro, le piazze si animano e ospitano decine e decine di autori, i maggiori del panorama editoriale e letterario del momento e non solo. Nomi di importanza nazionale e internazionale si avvicendano di evento in evento, a contatto con gli spettatori oramai provenienti dai più svariati luoghi d’Italia e del mondo, che gremiscono le vie cittadine. E sta proprio nel contatto stretto e diretto degli autori con la gente e nel sodalizio che si crea la peculiarità di questo festival letterario. Si tratta di una festa per Pordenone e per tutti coloro che giungono qui per vivere tale evento: si respira emozione, entusiasmo e ci si immerge nel profumo dei libri, in tante storie incredibili e accattivanti; ci si lascia avvincere dal fascino della letteratura.


“Pordenonelegge.it” ha saputo anche vincere la sfida più ardua: la pandemia. L’edizione di quest’anno, pur restando “fisica” nel rigoroso rispetto delle regole anti-covid, si è aperta al virtuale, superando i due milioni di visualizzazioni dei contenuti registrati in presenza e contando più di un milione di spettatori, digitali e dal vivo. Inoltre “pordenonelegge.it” ha, tra gli altri, l’indubbio merito di aver ridato ossigeno al mondo della poesia, troppo spesso dimenticato o lasciato in secondo piano. Basta entrare in una qualsiasi libreria e osservare i pochi scaffali destinati a essa. I curatori di questo festival, invece, dedicano ampio spazio alla poesia. Del resto, il direttore artistico, Gian Mario Villalta, è poeta di rilievo nel panorama attuale, oltre che scrittore di romanzi e saggi, e, grazie alla Festa con gli autori, dà un significativo contributo a una fruizione più consapevole e alla diffusione di questa forma letteraria, che, attraverso poche significative parole, è in grado di suggerire al lettore nuove prospettive per un’interpretazione del reale. Ricordiamoci che la poesia non è avulsa dalla realtà, anzi, è in profonda relazione con essa. Potrei spingermi oltre e affermare che, forse, è la vita vera. Ad ogni modo è giusto cominciare a riaffermare la funzione che il poeta ha in quanto testimone del suo tempo. Davvero importante, dunque, il ruolo di “pordenonelegge.it” non solo come promotore della cultura del libro in generale, ma anche della poesia in particolare.
Ricordiamo allora Pordenone non solo come città vivibile per eccellenza, ma anche come città della poesia.

 

Siddharta, l'opera più rappresentativa del premio nobel Hermann Hesse.
Ma chi è Siddharta? È colui che cerca, e cerca soprattutto di vivere intera la propria vita.
Il protagonista dimostra, dopo aver sperimentato, dal misticismo alla sensualità, dalla meditazione filosofica alla vita degli affari, dall’assoluta povertà al lusso sfrenato, di essere giunto infine alla meta che si era preposto. Il “cercare” di Hesse è superamento del materiale, di ciò che crediamo indispensabile alla nostra vita ma che in realtà non serve, che non aiuta ad elevare l’anima verso una conoscenza maggiore. In Hesse forte è l'influenza agostiniana.
Sant’Agostino disse che il cercare è già di per sé un trovare e Siddharta è proprio un cercatore.
Protagonista del libro è un ragazzo indiano, Siddharta, che vive nel VI secolo, in un’ India che pullulava di predicatori, profeti, monaci mendicanti, digiunatori, tutti intenti ad affermare l’autenticità del loro credo.
Figlio di un ricco bramino , non si sentiva soddisfatto di sé. Per queste ragioni decise di abbandonare la casa dei genitori e di andare a vivere, insieme a Govinda, suo inseparabile amico, con un gruppo di pensatori che viveva di molto poco, i Samana, meditatori solitari, che dopo essersi spogliati di tutti i loro beni cercano la strada dell’Illuminazione attraverso la meditazione, e il digiuno. Così fa infatti Siddharta. Dopo aver vissuto con loro, lui e Govinda decidono di andare a vedere il Buddha Gotama, alla quale setta Govinda decide di aggregarsi. Siddharta rimane da solo, si sentiva felice e prosegue per la città, dove rimane ammaliato dalla bellezza di una splendida donna, una cortigiana. Decise di apprendere da lei l’amore ed imparò a lavorare, ad arricchirsi e a spendere per amore della dolce Kalama.
Dopo anni e anni passati con la donna, Siddharta capisce il suo errore, che denaro e piacere fisico avevano corrotto il suo spirito, capisce di aver perso la sua felicità interiore, si dispera e scappa lasciando Kamala che avrà poi un figlio da lui e che crescerà da sola.
Egli arrivò al punto da meditare il suicidio, pregno dei sensi di colpa. Ma la vita sembra dargli un’altra possibilità, il destino fece si che Siddharta incontrasse l’ amico Govinda. Un incontro davvero significativo e Siddharta ritrova la forza di ricominciare. Si fermò così sulle sponde del fiume, proprio là dove avrebbe voluto porre termine alla sua vita e visse per molti anni con il barcaiolo Vasudeva , dal quale apprese molto. Qui incontrò anni dopo anche Kamala, insieme al figlio. A seguito del morso di un serpente Kamala morì lasciando il piccolo Siddharta con il padre. Ma il ragazzo era ribelle, e quando decise di andare via a Siddharta non restò altrò che lasciarlo andare. E in quel momento comprese anche la sofferenza che aveva inflitto ai suoi genitori, quando da giovane aveva preso la stessa decisione. E si giunge alla conclusione del libro con il nuovo incontro tra Siddharta e Govinda ormai anziani e sapienti, che si raccontano le loro vite. Govinda chiede all’amico quale sia, dopo tutti quegli anni la sua filosofia :

"Vedi Govinda, questo è uno dei miei pensieri, di
quelli che ho trovato io: la saggezza non è
comunicabile. La saggezza che un dotto tenta di
comunicare ad altri, ha sempre un suono di
pazzia. […] La scienza si può comunicare, ma la
saggezza no. Si può trovarla, si può viverla, si può
farsene portare, si possono fare miracoli con
essa, ma dirla e insegnarla non si può."

L’autore in quest'ultimo passo afferma che la saggezza non si può trasmettere come le conoscenze, ma ognuno deve maturare interiormente fino a raggiungere questo stato mentale.
E vuole altresì dimostrare che il peccato alberga in ogni uomo, anche il più puro, ma ognuno di noi ha varie possibilità per trovare una pace interiore che non sia effimera.
E questo avviene grazie alla miriade di esperienze che arricchiscono ogni essere umano, ai dubbi che ci poniamo e alla sete di conoscenza che abbiamo.


Da leggere, meditare e rileggere.


Chi è Hermane Hesse?
Nato a Calw nel 1877, morto a Montagnola nel 1962.
Scrittore, poeta e pittore tedesco, vincitore nel 1946 del Premio Nobel per la Letteratura.
Ha all’attivo oltre trenta romanzi e una vasta produzione di racconti, oltre ad una quindicina di raccolte di poesie.
Tra le sue opere più importanti “Narciso e Boccadoro”, “Il lupo della steppa”, “Demian”, “Il gioco delle perle di vetro”. I suoi romanzi, così come le sue poesie, sono intrise della filosofia indù e buddhista.

Notizie