Colors: Blue Color

 


Avvocato Francesco Catania

Ci sono tre brutte notizie sul caso di Saman Abbas:
1) I Carabinieri analizzando i cellulari dello zio, hanno trovato una chat in cui il medesimo si vanta di "avere compiuto un lavoro fatto bene" con la nipote scomparsa; riferendosi al fatto che non verrà mai trovata;
2) Saman Abbas, prima di essere eliminata, è riuscita a spedire un messaggio vocale al fidanzato riferendo che sua madre stava facendo pressioni su suo padre perché venisse eliminata fisicamente, per poter salvare l'onore della famiglia;
3) Il fidanzato di Saman Abbas, pachistano a sua volta, avrebbe gravemente sottovalutato il pericolo; pur sentendo il messaggio, non ha pensato di allertare i carabinieri o le forze dell'ordine.
Ora, la questione, sotto il profilo giuridico è semplicissima: la madre dovrebbe essere indagata per concorso materiale e morale nell'eliminazione della figlia. Il messaggio di Saman conferma che è stata lei a convincere il marito o comunque a supportarlo. In secondo luogo si sarebbe prestata a rassicurare la figlia ed a scortarla verso lo zio, novello "Mr. Wolf" pachistano, uno che certi lavori, li fa bene. Nessuna responsabilità giuridica per il fidanzato, il quale resterà con il rimorso che forse qualcosa avrebbe pure potuto farla.
Sarebbe interessante affrontare l'aspetto sociale e politico della questione. Il primo caso di questo tipo risale almeno al 2006 ed il legislatore, neppure quello che viaggia in Bielorussia per difendere i diritti delle donne, si è mai preoccupato del problema.
Eppure la soluzione sarebbe semplicissima: far frequentare educazione civica alle famiglie ed imporre un minimo di vita sociale a mogli e figlie.

 

 


AvvCataniaFrancesco

Mi chiedete di parlare nuovamente del caso di Ciro Grillo ed io ve ne parlo. Nei giornali si dà grande risalto al fatto che due indagati hanno rinunciato all'interrogatorio, ma in realtà non c'è nulla di straordinario: sono cose che capitano.
Semplicemente, essendoci un numero rilevante di fonti di prova, il PM ha chiesto il rinvio a giudizio per i quattro indagati. Ciro Grillo ha ritenuto opportuno recarsi a rispondere alle domande, cogliendo l'occasione per negare di essere ritratto in alcune immagini; gli altri due indagati si sono tirati indietro.
I media danno particolare risalto all'udienza preliminare che si terrà il 25.06.2021, ma in realtà sarà un'udienza normalissima, che verosimilmente si chiuderà con il rinvio a giudizio di tutti gli indagati, come sempre succede quando vi è un buon numero di fonti di prova.
Spetterà al Tribunale comprendere se Ciro Grillo ed i suoi amici sono responsabili dei reati ascritti loro o meno.

 

 

Indignazione per la fine pena dell'uomo che ammise 150 omicidi, attivò la strage di Capaci e sciolse un bimbo nell'acido

 

di Monica Vendrame

Dopo 25 anni di carcere torna libero Giovanni Brusca. La sua scarcerazione è stata possibile grazie alla normativa sui collaboratori di giustizia, un beneficio legislativo che prevede uno sconto di pena sulla base delle confessioni rese dal soggetto entro sei mesi dall’arresto. Sarà sottoposto a quattro anni di libertà vigilata, come ha deciso la Corte d’Appello di Milano.

 

Avvocato Francesco Catania 

Migliaia di visualizzazioni e condivisioni per il video di una lite avvenuta alcuni giorni fa su un volo da Ibiza a Bergamo – Orio al Serio, operato dalla compagnia low-cost Ryanair. Una passeggera ha dato in escandescenze insultando altre persone a bordo del velivolo, inclusi alcuni steward. La lite sarebbe iniziata fin dall'imbarco: a far innervosire la passeggera sarebbe stata la richiesta, da parte di un'altra donna che stava salendo sull'aereo, di rispettare il distanziamento sociale.
Ma è a bordo del velivolo che la situazione è degenerata: la passeggera in questione ha iniziata a insultare pesantemente l'altra donna, con epiteti pesanti come "putt…" e anche con insulti omofobi come "lesbica di m…". Inutile l'intervento degli steward Inutile si è rivelato l'intervento degli steward a bordo: la ragazza ha mostrato un atteggiamento irriverente anche nei loro confronti. La lite è proseguita con sputi della passeggera nei confronti dell'altra donna, alla quale ha anche staccato una ciocca di capelli. Negli spezzoni dei video che circolano sul web e sui social, diventati virali, si vedono gli altri passeggeri che riprendono la scena e si sentono anche insulti pensati all'indirizzo della passeggera esagitata.
Quando la ragazza è stata portata dagli steward nella parte anteriore dell'aeroplano ha tirato anche dei calci all'indirizzo di altri passeggeri. Non è ancora chiaro se, all'arrivo all'aeroporto di Bergamo, la ragazza sia stata segnalata alla polizia a causa della sua condotta, che ha movimentato non poco il volo di rientro da Ibiza. Di certo la protagonista dei filmati, che sarebbe una ragazza originaria del Barese, ha pubblicato un video minacciando di querelare tutti coloro che hanno diffuso le immagini.