Pin It

 

di Giovanni Macrì

Due cugini, Vito Cunsolo e Virgilio Terranova, di 29 e 30 anni, residenti al rione di Librino (CT), sono stati trovati senza vita all’interno di un agrumeto in contrada Pennisi di Acireale (CT) uccisi a colpi di pistola.

Non c’è voluto molto per i Carabinieri della Compagnia di Acireale, nell’ambito dell’inchiesta della Procura di Catania, a chiudere il cerchio delle indagini.

L’omicida è un agricoltore, Giuseppe Battiato, un 72enne pensionato, incensurato e proprietario terriero del fondo, l’uomo fermato e accusato del duplice omicidio.

Messo alle strette, il Battiato avrebbe già ammesso le proprie responsabilità, motivando il gesto con l’esasperazione per il continuo ripetersi dei furti di limoni nel suo agrumeto.

Sono stati i partenti delle stesse vittime a farne ritrovarne i cadaveri, dal momento che i due cugini il giorno prima non erano rientrati a casa. Sicuramente consapevoli dei loro spostamenti e delle loro intenzioni criminali.

Giuseppe Battiato nell’interrogatorio davanti agli inquirenti ha detto di essere stato svegliato intorno alle 3 di notte dalla presenza in casa sua dei due giovani, che, a suo dire, giorni prima l’avrebbero minacciato e invitato a abbandonare la proprietà. Nel tentativo di difendersi ha fatto fuoco con la pistola, una pistola semiautomatica Browning 7,65, regolarmente detenuta, che teneva sotto il cuscino per il timore di subire ulteriori minacce e furti, come negli anni passati era già avvenuto.

Sempre dalla sua confessione... successivamente avrebbe trasportato i due corpi nel luogo del ritrovamento con una carriola adibita al trasporto dei limoni.

Dopo la confessione ha fatto anche ritrovare l'arma utilizzata per il duplice omicidio in precedenza nascosta sotto una palma nana insieme con il telefono cellulare di una delle due vittime.

Il presunto omicida è stato condotto presso la casa circondariale di Catania “Piazza Lanza”, mentre i due cadaveri sono stati trasportati all’obitorio del Policlinico catanese per i rilievi medico legali.

Le indagini da parte dei Carabinieri per comprendere bene la dinamica dei fatti è tuttora in corso. Saranno valutate anche le immagini delle varie telecamere di videosorveglianza poste nella zona.

A dire dell'anziano omicida... non si era appostato per cogliere i ladri sul fatto, pare si sia dovuto difendere. Fatto sta che ha esploso vari colpi, altezza uomo, in direzione dei due cugini, uccidendoli.

(foto Web)

Pin It
Info Autore
Giovanni Macrì
Author: Giovanni Macrì
Biografia:
Medico chirurgo-odontoiatra in Barcellona Pozzo di Gotto (ME) dal 1982 dove vivo. Ho 65 anni e la passione per la scrittura è nata dal momento che ho voluto mettere nero su bianco parlando della “risurrezione” di mia figlia dall’incidente che l’ha resa paraplegica a soli 22 anni. Da quel primo mio sentito progetto ho continuato senza mai fermarmi trovando nello scrivere la mia “catarsi”. Affrontando temi sociali. Elaborando favole, romanzi horror, d’amore e polizieschi. Non disdegnando la poesia in lingua italiana e siciliana, e completando il tutto con l’hobby della fotografia. Al momento ho 12 pubblicazioni con varie case editrici.
I Miei Articoli


Notizie