Pin It

Sono braccati, minacciati e costretti a diffondere la propaganda del Cremlino. Sei mesi dopo che la Russia ha lanciato la sua invasione dell'Ucraina, Reporter senza frontiere (RSF) pubblica esclusivamente i resoconti dei giornalisti nel sud e nell'est del paese che descrivono com'è lavorare sotto occupazione.

Leggi in ucraino / Читати українською
Leggi in russo / Читать на русском 

Il presidente russo Vladimir Putin ha lanciato un'offensiva senza precedenti il 24 febbraio 2022 con l'obiettivo di prendere il controllo dell'Ucraina. Sei mesi dopo, un quinto del paese è occupato e le città ucraine sono ancora bombardate. I giornalisti sono in prima linea.

"I giornalisti che rimangono nei territori occupati sono sistematicamente braccati dai militari russi, che vogliono diffondere la propria propaganda ed eliminare coloro che potrebbero contraddire la linea ufficiale del Cremlino", ha detto Jeanne Cavelier, capo del desk Europa orientale e Asia centrale di RSF. "Nelle zone occupate, i russi cercano con la forza di riprodurre la bolla di disinformazione costruita in Russia. RSF sta documentando questi casi in modo che le autorità russe possano essere ritenute responsabili dei loro crimini di guerra contro i giornalisti".

"Ogni giorno, dovevamo pubblicare tre 'articoli' che erano stati rilasciati dall'agenzia di stampa LNR", ha detto un giornalista nella regione di Luhansk, riferendosi alla 'Repubblica popolare di Luhansk' con le sue iniziali. Questa giornalista di 37 anni, che chiamiamo Olena, ci ha raccontato come è stata arrestata e poi costretta a collaborare con l'occupante russo.

"Siamo stati ridotti a diffondere questa propaganda che celebrava i 'successi' dell'occupante, come l'inaugurazione di questo o quel servizio amministrativo", ha detto. "Un soldato ha approvato le nostre decisioni tramite un canale di chat Telegram congiunto".

Vladyslav Hladkyi, 44 anni, ha raccontato a RSF dei cinque mesi trascorsi a lavorare clandestinamente a Kherson, una città occupata di 300.000 abitanti nel sud dell'Ucraina, dove viveva con sua moglie, Yevheniia Virlysh, l'editore di un media locale.

"Fin dall'inizio dell'occupazione, hanno cercato giornalisti, così come attivisti e funzionari eletti, in breve chiunque potesse ostacolare gli sforzi di propaganda dello stato russo", ha detto. "I nostri nomi e i nostri volti sono relativamente noti a Kherson, e avevamo paura di essere denunciati".

Alla fine ha lasciato Kherson all'inizio di luglio, alla fine del suo legame dopo essere stato costretto a continuare a cambiare posizione per poter continuare a riferire, mentre l'unico destino che lo aspettava era "nel migliore dei casi, un proiettile di kalashnikov russo e, nel peggiore dei casi, la tortura".

"Fosse comuni nei cortili degli edifici, vicini che seppelliscono i loro vicini, distruzione e saccheggio ... Nonostante il rischio di essere ucciso da un momento all'altro, ho osservato, fotografato e filmato per tre settimane, a volte correndo sotto tiro con mio figlio di 6 anni su uno scooter al mio fianco". È così che Yuliia Harkusha, 42 anni, ha descritto di essere stata cacciata a Mariupol, senza connessione Internet ma volendo a tutti i costi documentare i crimini dell'esercito russo e i costanti orrori nella città assediata, anche se la sua brillante carriera e i suoi legami professionali l'hanno portata in cima alla lista degli obiettivi degli occupanti russi.

RSF pubblica esclusivamente questi tre resoconti, che fanno luce sul funzionamento della guerra dell'informazione nei territori occupati

 

Olena, giornalista della regione di Luhansk – "Mi hanno dato tre scelte: prigione, 'deportazione' o collaborazione"

"Un'esplosione mi ha svegliato alle 5 del mattino del 24 febbraio. Era un missile russo. Né i miei tre colleghi né io siamo andati al giornale. L'ultimo numero, che era stato preparato il giorno prima e stampato durante la notte a Kharkiv, non fu mai distribuito.

Ma abbiamo continuato a lavorare da casa durante i giorni successivi. I partner situati nella zona franca hanno preso il controllo del sito web del giornale. Nel frattempo, abbiamo postato sulle nostre pagine Facebook e Telegram, fornendo informazioni quotidiane sulla situazione al fronte, le proteste contro l'occupazione e i negozi rimasti aperti.

L'esercito russo occupò la città all'inizio di marzo. Le comunicazioni di telefonia mobile sono state tagliate e la TV ucraina è stata sostituita da canali russi che trasmettono propaganda. Avevamo solo Internet di rete fissa. Quando sei un giornalista in una piccola città come la nostra, tutti ti conoscono. Era impossibile continuare a lavorare come prima, impossibile non soccombere all'autocensura. Ho evitato tutto ciò che potrebbe essere considerato anti-russo. Ero davvero spaventato. Uscii a malapena.

"Seguiteci, abbiamo bisogno di parlare con voi. Il tuo lavoro, capisci...' Il 1 ° aprile, sono stato fermato mentre stavo lasciando la mia casa da un uomo in uniforme militare, un'uniforme che non riconoscevo perché ci sono così tante truppe russe diverse. Tre o quattro di loro sono entrati in casa mia. Ho dovuto dare loro il mio laptop e il mio telefono. Ma mi è stato permesso di inviare un messaggio a mia madre sull'app Viber per farglielo sapere. Ero in uno stato tale che non ricordo cosa le ho scritto.

Mi hanno portato via nella loro auto, che non aveva targa, facendomi coprire gli occhi con una mascherina chirurgica. Dopo essere arrivati in un edificio – che in seguito ho appreso essere la sede dei dipendenti del MGB [Ministero della Sicurezza di Stato della "Repubblica Popolare di Luhansk"] – mi hanno fatto sedere su una sedia di fronte al muro. Poi sono stato trasferito in minibus a Luhansk. Attraverso il lato della maschera che ancora mi copriva gli occhi, riconobbi la sciarpa di uno dei miei colleghi. Ero paralizzato dalla paura e la mia mente si è svuotata.

Nella sala d'attesa prima dell'interrogatorio, il supervisore è stato brevemente assente. Anche se i miei occhi erano ancora coperti, ho avuto solo il tempo di dire alla mia collega che doveva rifiutarsi di collaborare. Poi, per sei ore e mezza, mi hanno interrogato da solo, sulla mia vita e sul mio lavoro. Dettagli banali! Il mio luogo di nascita, quello che ho studiato, il mio stipendio... Le stesse domande più e più volte. C'erano quattro di loro, uno "simpatico", due che continuavano a irrompere nella stanza con domande aggressive e, infine, uno abbastanza timido i cui commenti erano incoerenti. Non so come sono riuscito a mantenere la calma. Avevo caldo, ma non mi lasciavano togliere il cappotto. Niente acqua neanche.

Come in un carcere, mi hanno chiesto di consegnare tutti i miei oggetti di valore e mi hanno portato in infermeria, dove ho dovuto compilare un modulo fornito da un'infermiera. Ha preso la mia pressione sanguigna e poi mi ha dato farmaci per la pressione sanguigna. In un'altra stanza, hanno preso le mie impronte digitali e la mia foto, come se fossi un criminale. Alla fine mi ritrovai in una cella con il mio collega e il nostro editore, che era stato arrestato pochi giorni prima di noi.

Gli occupanti ci hanno dato tre scelte: prigione, "deportazione" o collaborazione. La nostra risposta congiunta era attesa la mattina successiva. Per me, "deportazione" [il termine usato dalle forze di occupazione] non era un'opzione, perché non sapevo cosa significasse, dove saremmo stati rilasciati e perché potevamo facilmente essere lasciati a un posto di blocco solo per essere arrestati al successivo. E al nostro editore è stata data solo la "scelta" tra la collaborazione da un lato e l'ergastolo o la pena di morte dall'altro. Davvero spaventati, abbiamo "accettato" la collaborazione.

Non appena sono stato rilasciato condizionatamente, ho inviato un messaggio ai partner che gestivano il nostro sito in modo che potessero avvertire altri media della zona, perché probabilmente erano i prossimi nella lista. Ho cancellato il mio messaggio non appena l'ho inviato. Anche per strada, i soldati potevano afferrare il telefono e controllarlo.

Una settimana o due dopo, tre uomini in uniforme, uno dei quali incappucciato, sono venuti nell'ufficio del giornale per fotografare le nostre attrezzature e perquisire attraverso i nostri computer, al fine di garantire che stessimo diffondendo le loro "informazioni" sulle pagine Facebook e Telegram del nostro giornale – una vera e propria operazione di intimidazione. Ogni giorno, dovevamo pubblicare tre "articoli" che erano stati rilasciati dall'agenzia di stampa LNR. Ci siamo ridotti a diffondere questa propaganda che celebrava i "successi" dell'occupante, come l'inaugurazione di questo o quel servizio amministrativo. Un soldato ha approvato le nostre decisioni tramite un canale di chat Telegram congiunto. Ero devastato. Come potremmo accettarlo? Ma vivevamo nella paura di fare un passo sbagliato e di essere arrestati. La pressione era insopportabile. Sapevo che dovevo fuggire, ma come? La persona che mi ha interrogato a Luhansk aveva insinuato che c'era una lista di persone a cui era stato vietato di lasciare la zona occupata.

Quando un ex collega che collaborava con il servizio stampa delle forze di occupazione russe mi ha scritto, ho indovinato che era per offrirmi un lavoro e ho rifiutato l'offerta. Cinque giorni dopo, un uomo in uniforme è arrivato nel mio quartiere in cerca di me e ha interrogato il mio vicino. Per la mia sicurezza, non potevo più rimanere lì e dovevo proteggere il nostro giornale. I nostri partner, come al solito, mi hanno sostenuto e mi hanno pregato di andarmene. Poco dopo, sono fuggito con un "trasportatore" [qualcuno che fornisce un servizio di evacuazione che è costoso e rischioso a causa dello screening ai checkpoint russi]. Da allora, ho lavorato come redattore presso un altro media ucraino".

Il giornalista di Kherson Vladyslav Hladkyi – "Ero tentato di rinunciare, tutto questo lavoro per nel migliore dei casi, un proiettile Kalashnikov e, nel peggiore dei casi, tortura"

"Quando i combattimenti sono iniziati vicino a Kherson il 24 febbraio, volevo davvero andare lì, per trasmettere in diretta su Facebook, per testimoniare questa invasione. Ma era impossibile arrivarci perché non c'erano più i mezzi pubblici, i taxi si rifiutavano di andare in quella direzione, i distributori automatici erano fuori servizio e i servizi di telefonia fissa erano interrotti. La rete mobile funzionava ancora, ma i servizi pubblici erano irraggiungibili. Sono andato all'evacuazione della procura regionale il 24 febbraio.

La città fu circondata il 28 e poi occupata. Il 2 marzo è stata allestita una base militare vicino a casa nostra e ho guardato il balletto di veicoli blindati sotto la mia finestra, in una luce torbida su uno sfondo di neve sporca e sciolta. Potevano spararci addosso in qualsiasi momento. Ho coperto le finestre con le lenzuola, ho evitato di accendere la luce e sono rimasto discreto. Queste precauzioni erano assolutamente inutili perché uomini armati stavano presto battendo sulla porta. Mia moglie, che è anche una giornalista, è uscita per ritirare un pacco di cibo da un amico. Aveva avvistato questi uomini e mi aveva chiamato subito per dirmi di non aprire. Sono andati direttamente al nostro appartamento, dimostrando che eravamo presi di mira. Ho aspettato 20 lunghi minuti senza muovermi, in silenzio. In preda al panico, ho ripristinato uno dei miei telefoni di lavoro per cancellare tutti i dati. Dopo questo incidente, abbiamo lasciato il posto. Ma i soldati russi sono tornati quattro volte in tutto per interrogare i vicini e cercare di scoprire dove eravamo.

Fin dall'inizio dell'occupazione, hanno cercato giornalisti, così come attivisti e funzionari eletti, in breve chiunque potesse ostacolare gli sforzi propagandistici dello stato russo. I nostri nomi e i nostri volti sono relativamente ben noti a Kherson, e avevamo paura di essere denunciati. Il 27 febbraio ho chiuso l'accesso alle nostre foto e alle nostre relazioni su Facebook. Ho sostituito l'immagine del profilo con una foto di nane di bronzo scattata nella città polacca di Wroclaw. Tutti pensavano che fossimo andati lì.

Questa "storia di copertina" ci ha permesso di continuare a lavorare attivamente, quasi come se avessimo trovato un rifugio, mia moglie con la sua agenzia di stampa e io per i miei media online. Ho raccolto informazioni dai social media, le ho controllate con altre fonti e ho pubblicato riassunti sui miei canali Telegram. Ho riferito che i russi stavano ripulendo il dominio dei media, chiudendo in particolare le stazioni radio e TV. Ho analizzato la loro propaganda, ho profilato coloro che "collaborano" con le forze di occupazione, ho denunciato il rapimento di attivisti dopo le proteste, tra cui l'umanitario spagnolo Mariano García Calatayud e l'attivista Iryna Horobtsova, che è ancora detenuta dai russi. Oltre a informare il pubblico, il mio obiettivo era quello di attirare l'attenzione del governo ucraino sulla difficoltà della situazione a Kherson.

 

 
Pin It
Info Autore
Nicoletta Toselli
Author: Nicoletta Toselli
Biografia:
Nata a Milano, vivo in Calabria da molti anni. Una casalinga prestata all'informazione. Giornalista praticante. La voce del Savuto - La voce agli Italiani. Delegata comunicazione Riviera dei Cedri Unpli Cs - Cif Cs. "Radio1one" radio e testata giornalistica. "Il Casinista" di Astolfo Perrongelli; "Progetto Mercurion" con lo scrittore Giovanni Russo, casa editrice Ferrari. "MimmoAbramoNotizie" del giornalista Mimmo Abramo e il suo libro "Francesco il mio amico terra e cielo". Digital marketing, social media manager, organizzazione e comunicazione eventi. Seguo la startup "Sposiamoci in Calabria" di Agnese Ferraro e il musicista/pianista Mattia Salemme, oltre a varie collaborazioni come giurata a concorsi letterari e di poesia; opinionista in vari programmi radio e tv locali. Mi occupo inoltre di graphic design.
I Miei Articoli

Notizie